Il museo su Instagram

Il Museo Nicolis celebra il 40° anniversario del Tornado

La Ferrari Testarossa del Museo Nicolis celebra i 40 anni dell’entrata in servizio in Forza Armata del velivolo Tornado

Correva l’anno 1982, era il 27 agosto quando il velivolo Tornado toccava il suolo per la prima volta all’Aeroporto Militare di Ghedi.

Grazie alla collaborazione con il Club Mille Miglia, la nostra Ferrari Testarossa, insieme ad altre 14 vetture d’epoca, ha formato la bandiera tricolore a cornice dei Tornado, in omaggio allo storico anniversario.
Presente anche il Generale S.A. Luca Goretti, Capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare italiana e tutti gli equipaggi di volo Tornado, il personale tecnico e specialista che nel tempo ha operato sul sistema d’arma in cui era impiegato e tutti i diavoli Rossi di ieri e di oggi.

Approfondimento

Sono passati ormai 40 anni dall’entrata in servizio di questo gioiello tecnico e militare, e il Museo Nicolis festeggia l’importante anniversario con una macchina altrettanto veloce, agile e aerodinamica: la Testarossa, che stupirà a sua volta il mondo automobilistico per le sue linee e le sue prestazioni.

Disegnata da Pininfarina e destinata a sostituire la 512 BB, la nuova Testarossa viene presentata al Salone dell’Automobile di Parigi nel 1984, pochi anni dopo l’entrata in servizio del primo Panavia PA-200 Tornado nell’Esercito italiano.

L’idea di un nuovo caccia militare nasce negli anni ’60 dall’esigenza di sviluppare una nuova generazione di aereo da combattimento ad elevate prestazioni, multiruolo e con caratteristiche di volo ottimali su un’ampia gamma di profili di quote e velocità.

Nel luglio del 1968 nasce così l’idea del MRCA (Multi Role Combat Aircraft) per sostituire il blasonato Lockheed F104 Starfighter, uno degli aerei custoditi al Museo Nicolis.

Grazie alla collaborazione tra Germania, Gran Bretagna e Italia che danno vita alla Panavia, il progetto del Tornado diventa realtà. Il 27 agosto 1982 viene consegnato il primo esemplare operativo del velivolo, assegnato al 154° Gruppo Volo di base a Ghedi. I “Diavoli Rossi” saranno il primo reparto dell’Aeronautica Militare a ricevere il nuovo aeromobile.

Per tale ricorrenza, giovedì 8 settembre 2022 la base di Ghedi ospiterà un raduno nazionale aperto a tutti gli equipaggi di volo Tornado e al personale tecnico e specialista che nel tempo ha operato sul sistema d’arma presso le basi in cui è stato impiegato, nonché a tutti i Diavoli Rossi di ieri e oggi.

Un’occasione sicuramente da non perdere, a cui il Museo Nicolis ha partecipato attivamente portando dalla propria collezione la Ferrari Testarossa del 1991.

Un esemplare ottimamente conservato, con pochi chilometri all’attivo e vestito del tipico Rosso Ferrari. Anche la meccanica è di prim’ordine, con il motore 12 cilindri piatto ripreso dalla precedente 512 BB, ora aggiornato e capace di ben 390 cavalli.

Oggi come allora il design della Testarossa stupisce, con le grandi griglie laterali e il posteriore largo che la caratterizzano in modo unico.

Un’auto simbolo degli anni ’80 che si andrà ad affiancare ai Tornado sulla pista: una speciale ricorrenza che riunirà due mezzi iconici oggi come allora, punte di diamante delle rispettive industrie automobilistiche e aeronautiche.

Leggi anche Tornado40.it