Il Fondatore

Home / Il Fondatore

Luciano Nicolis

La storia: come tutto è iniziato

Luciano Nicolis, veronese doc, nel 2000 inaugura il Museo Nicolis a Villafranca di Verona. Realizza così il suo “sogno lungo una vita” che coltiva sin da ragazzo, quando, per idea del padre Francesco, inizia il lavoro di “recupero della carta” (oggi Gruppo Lamacart) girando in bicicletta i paesi vicino a casa.

Luciano ci racconta: “Ora lo ricordo con piacere, ma da piccolo me ne vergognavo, quando facevo la terza media, finita la scuola nel pomeriggio andavo in bicicletta a Mantova a caricare sacchi di carta. La guerra era finita da poco e io a 14 anni pedalavo in cerca di fortuna, alla ricerca di sacchi ex cemento, quelli vuoti scartati dai muratori, ne caricavo fino a 300, rincasavo spingendo 60 kg di sudore. Mi rendevano bene e mio padre era felice. Il fascino per la meccanica e le automobili mi aveva stregato, volevo dare vita ai miei sogni e realizzare le mie speranze. Quando incrociavo una automobile pensavo – un giorno avrò anch’io una bella auto… forse due … forse tre … “

“La mia passione è nata smontando pezzi di automobili per riparare il furgone che usavo nei primi anni di lavoro. In questo modo ho cominciato a capire la meccanica e mi sono appassionato alla tecnica automobilistica”. Questa passione l’ha poi trasferita alla sua famiglia, che lo ha sempre sostenuto e affiancato nel suo progetto.

Nel “Museo dell’Auto, della Tecnica e della Meccanica” Luciano ha fatto confluire migliaia di oggetti introvabili e preziosi, che l’interesse per la meccanica lo ha portato a cercare in tutto il mondo: automobili, motociclette e biciclette ma anche strumenti musicali, macchine fotografiche e per scrivere, opere dell’ingegno umano.

Il Museo è stata la sua attitudine e il suo divertimento, e per questo lo ha voluto spettacolare e creativo, arricchendo costantemente le numerose collezioni. Luciano amava aggirarsi nelle sale con entusiasmo, vulcanico di idee e progetti, facendo anche da guida ai visitatori. Raccontando loro la storia e le curiosità di ogni oggetto, si presentava dicendo “Io sono quel matto che ha fatto tutto questo”.

A chi gli faceva domande sulle “sue collezioni”, invece, era solito rispondere: “Noi non siamo i proprietari di tutto questo, ne siamo i custodi per il futuro…

 

 

Le interviste

Saro Rolandi, allora presidente del Veteran Car Club Enrico Bernardi con sede a Villafranca, fa  un tributo alla passione di Luciano Nicolis. Rolandi, giornalista e storico, fu un personaggio di spicco nel nascente mondo del collezionismo di auto storiche che ricoprì numerosi incarichi internazionali. Ricordato da tutti per la sua profonda cultura, la sua esperienza e le sue doti umane.
Rolandi fece conoscere la storia di Enrico Bernardi al mondo intero, con precise e documentate ricerche condivise in Gran Guardia a Verona nel 1984. Inoltre, organizzò importanti competizioni come la “Stallavena-Bosco” e la “Salita della Torricelle”.

Intervista di Danilo Castellarin, Verona 6 marzo 2018: “Credo fosse il 1983, Telenuovo era appena stata fondata e quello era il mio primo servizio televisivo.  Avevo trent’anni. Si vede anche dai capelli in più… Luciano non volle comparire nel filmato e affidò le risposte alle mie domande a Saro Rolandi, allora presidente del Club. Eravamo in via Genova e c’erano dei gradini. Bastavano quelli a far ansimare Saro, malato di cuore, che sarebbe mancato pochi mesi dopo a Torino, durante un convegno dedicato a Enrico Bernardi. Evidentemente anche allora avevo la fissazione di rendere grande la ‘Stallavena-Bosco”.

Dopo la prematura scomparsa di Saro Rolandi, Luciano Nicolis diventa il presidente del VCC Enrico Bernardi sempre con sede a Villafranca nel suo primo “deposito” dove viene registrata questa  inedita intervista in cui si parla delle origini del collezionismo di auto d’epoca, definito allora un genere di antiquariato.

20 aprile 2017 – Premio “Fedeltà al Lavoro” alla memoria di Luciano Nicolis

Conferito da Camera di Commercio Verona con la seguente motivazione: Il Self Made Man che ha dato vita a una grande impresa Lamacart attiva sui mercati internazionali e che, nel contempo, ha coltivato un sogno alimentato dalla sua sfrenata passione per motori e oggetti antichi, concretizzato nella creazione del Museo Nicolis, perché il ricordo delle gesta imprenditoriali passate possa fare da insegnamento per gli imprenditori e i lavoratori del futuro”.

 

Un patrimonio di cultura per le generazioni future.
Diceva

Noi non siamo i proprietari di tutto questo, ne siamo i custodi per il futuro.

Pensate quanto è bello per l’uomo poter dire: oggi ho mangiato di quello che io mi sono guadagnato frutto del mio lavoro, del mio impegno e del mio sacrificio! Non resterebbe spazio per lotte, invidie e guerre…
Coloro che invece vogliono mangiare ciò che è di altri non saranno mai sazi e mai felici!

La vita è luce e ombra: è fiori e spine. Non ti doler che le rose abbiano le spine; ma consolati che le spine portino le rose…

Le soddisfazioni vengono solo dai sacrifici. Evitare ai propri figli i sacrifici vi renderà responsabili di avere un giorno figli senza soddisfazioni. Concludo con questa frase a me cara: “Quo quisque est bonus eo est carus”. Quanto più uno è buono, tanto più è caro. Comportarsi bene nella vita ripaga sempre!

All’articolo 1 la nostra Costituzione sottolinea che l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Una res publica, quindi un bene di tutti che prospera solo grazie all’impegno di tutti. Far bene il proprio lavoro dev’essere quindi considerato lo stimolo più importante, non l’essere pagati per farlo. Mi spiego ancora meglio: il denaro è necessario, ma esso è solamente il riconoscimento che riceviamo per un lavoro ben fatto, non il fine ultimo del lavoro. Quindi, se la prima responsabilità di un’azienda è creare quella ricchezza che poi sarà distribuita, rimessa in circolo ,la responsabilità di chi lavora in un’azienda verso di essa è senz’altro che ciascuno compia il proprio dovere.

Non sono le avversità che uccidono, ma la paura delle avversità.

Non ho mai cambiato, per tutta la vita, i miei punti di riferimento. Credo prima di tutto che l’imprenditore debba essere d’esempio per i suoi dipendenti, e non comandare solo perché è il padrone; poi ritengo necessario che ci sia l’armonia nella famiglia, per me un sostegno di cui non si può fare a meno, in qualsiasi circostanza. Allo stesso modo vorrei che ci fosse la stessa concordia anche tra i dipendenti, perché senza collaborazione l’azienda non progredisce, anzi, si rischia di trovarsi la guerra in casa. Dico sempre ai miei dipendenti: trovatevi a cena tra di voi, pago io, ma voi imparate a stare bene insieme. Un altro valore davvero importante per me è l’onestà intellettuale: perché un affare sia un affare vero, bisogna essere soddisfatti in due, se no è sfruttamento. E non va bene.

Studiare, ricercare, conoscere sempre di più fa parte dell’istinto dell’uomo, aiuta a far uscire il sapere che ciascuna persona ha dentro di sé. In più, nelle aziende moderne, la formazione e lo studio continuo sono necessari per una continua ricerca dell’etica e del rispetto, e per far emergere le doti di ognuno.

L’etica come termine è diventato di moda e per questo spesso viene utilizzato a sproposito. Per seguire un comportamento etico non servono mica tante leggi, basta vivere onestamente e non fare del male agli altri. Nel mondo degli affari bisogna mettersi in testa che non si deve imbrogliare… non è un diritto! Insomma, bisogna aprire le coscienze e fare le cose giuste, anche se sembra sempre più difficile… Una volta si insegnava a rispettare la parola data, un precetto che ho sempre seguito, perchè anche se a volte costa tanto, alla fine nella vita ripaga sempre!

L’azienda deve sentire il piacere della responsabilità sociale, dev’essere mossa da uno slancio personale, non da un obbligo, a restituire alla comunità locale parte della ricchezza che ha saputo generare con il suo lavoro, le sue intuizioni, il suo capitale. Solo in questo modo potrà davvero dimostrare che si prova più piacere nel donare che nel ricevere. Lo stesso Museo Nicolis, che si affianca alle attività produttive, è stato creato non solo per coronare una passione ma anche per mettere a disposizione di tutti pezzi unici di una storia importante, quella della tecnologia.

E’ solo grazie alle vicende del passato che si può comprendere il presente e prepararsi al futuro. Credo sia necessario capire il perché degli avvenimenti e imparare dagli errori – dai propri come da quelli della società – per non commetterli ancora.

Sono convinto che la storia sia maestra di vita e di comportamento. Sapete quando non avvengono guerre e conflitti? Sembrerà banale, ma succede quando l’uomo non ha tempo da perdere. Impegnato nella ricerca e nello studio, nel fare il proprio lavoro con passione, nel girare il mondo all’inseguimento di qualcosa di meglio… Quando uno dedica le proprie energie alla crescita e al progresso, ed è giustamente orgoglioso dei propri successi, non ha spazio per i contrasti e non cerca scontri o nemici. Attraverso la storia si scopre che vi sono strategie migliori del conflitto per ottenere un risultato.

La crisi economica che stiamo vivendo ci insegnerà a lavorare di più e mangiare meno, come diceva il proverbio: “Salti da leon, pansa da formiga… laorar tanto e magnar miga”. Che tra l’altro sarebbe anche un’interessante ricetta per i governi: prendere i disoccupati, i cassintegrati, e restituire loro la dignità e il lavoro attraverso impieghi utili per la società, le infrastrutture, il territorio. La spesa pubblica non è un peccato, se viene ben orientata. A molti Paesi colpiti dalla crisi del 1929 questa soluzione permise di dar da mangiare a milioni di persone e preparò la strada per la ripresa.

Non credo ai sogni, credo nei progetti, ai programmi e al duro lavoro per cercare di realizzarli. Ma il tuo progetto vale qualcosa solo se ci studi intorno, se lo mediti a lungo e poi fai di tutto per metterlo in pratica. La fortuna è quella degli altri, la tua devi creartela con l’impegno.