Il Museo Nicolis di Villafranca rende omaggio al mito di Enzo Ferrari

Il Museo Nicolis di Villafranca rende omaggio al mito di Enzo Ferrari All’ inaugurazione del nuovo Museo Casa Enzo Ferrari di Modena anche la “Maserati A6 1500” del 1947 proveniente dalla collezione Nicolis.

Villafranca, 8 marzo 2012 – Chi lo ha conosciuto lo ricorda come un uomo ruvido, diretto, dal carattere difficile. Per molti è stato semplicemente “il Drake”, con tutto quello che implica il riferimento al leggendario corsaro. Per tutti, senza distinzioni, è stato un mito assoluto, emblematico di quello che si ama, se si ama l’automobile. Pilota, direttore di scuderia, industriale del settore. Fra i tanti riconoscimenti gli piaceva quello di “ingegnere meccanico”; diceva che la vittoria più importante era sempre la prossima; scriveva con una stilografica con inchiostro viola, non sopportava il numero 17 sulle auto da corsa, ha messo il cavallino rampante sulla carrozzeria delle Ferrari, creando uno dei segni di identità più conosciuti e amati nel mondo.
Per questo l’inaugurazione, a Modena, del “Museo Casa Enzo Ferrari”, è un avvenimento di portata mondiale, e per questo gli storici, i collezionisti, i cultori di questo mito gli renderanno il giusto omaggio.
Come il Museo Nicolis di Villafranca, oggi uno dei più importanti Musei privati Italiani che custodisce alcune fra le più prestigiose collezioni di auto storiche (più di 200 macchine, pezzi unici e tutte perfettamente funzionanti).
Alla inaugurazione della mostra “Le Origini del Mito”, il primo allestimento della nuova Casa Museo, il Nicolis partecipa con la Maserati A6 1500 del 1947, a sua volta una macchina che – a pieno titolo – entra nel novero delle vetture “mitiche”.

Nell’inverno 1939/1940 l’industriale modenese Adolfo Orsi (proprietario della Maserati dal 1937) decise il trasferimento dell’azienda bolognese a Modena. Nel 1940 partì il progetto della prima Maserati stradale che venne bloccato dalla guerra. Nel 1947 il prototipo, un coupé con fari a scomparsa disegnato da Pinin Farina, venne presentato al Salone di Ginevra.
La vettura del Museo Nicolis è la seconda costruita e fu esposta nel 1947 alla Mostra della Carrozzeria italiana alla Triennale di Milano. Presenza alcune differenze estetiche rispetto al prototipo, come i fari, il doppio vetro laterale, il lunotto, l’andamento della coda.
Nel 1950 la vettura venne esportata in Argentina. Rientrata in Italia alla fine degli anni ‘70, nel 2007 è stata acquistata dall’imprenditore/collezionista Luciano Nicolis che la ha restaurata e riportata alle caratteristiche originarie, restituendo alla storia dell’automobilismo italiano un pezzo di storia altrimenti irrimediabilmente perduto.
Oggi la “Maserati A6 1500” è uno dei gioielli della corona del Museo Nicolis di Villafranca; nei prossimi lascerà la sua sede abituale per celebrare, a Modena, l’apertura della Casa di Enzo Ferrari dove resterà esposta per tutta la durata della Mostra “ Le Origini del Mito”.
FOTO IN ALTA RISOLUZIONE DISPONIBILI SU RICHIESTA

Per saperne di più
Museo Nicolis
Via Postumia
37069 Villafranca di Verona
tel. +39 045 630 32 89 – 630 49 59 – fax +39 045 79 79 493
www.museonicolis.com; museonicolis@museonicolis.com

Contatti stampa
Daniela Colombo tel. +39 02 20241662 Cell 333 5286950
info@colombodaniela.it; colombodaniela@fastwebnet.it

 

dal martedì alla domenica
10-18 orario continuato CHIUSO IL LUNEDI’

Museo Nicolis
Via Postumia
37069 Villafranca di Verona
tel. +39 045 630 32 89 – 630 49 59
fax +39 045 79 79 493
www.museonicolis.com

Museo Nicolis
Via Postumia 37069 Villafranca di Verona – Italy
tel +39 045 6303289 / 6304959 fax +39 045 7979493
p.iva 03062140235
skype: direzione_museonicolis
www.museonicolis.com

Press Office: Daniela Colombo
tel +39 02 20241662 mobile +39 333 5286950
Info@colombodaniela.it
colombodaniela@fastwebnet.it

Condividi con
  • Il museo su Instagram