Evento, L’arte dell’equilibro, Cassiopea, testimone Silvia Nicolis.

Trapezisti? No, imprenditori. A Verona il corso di formazione sull’arte dell’equilibrio e del circo applicata alle aziende.

Lo scenario è quello dell’Accademia Circense, la scuola che, a Verona, forma i professionisti del circo: una struttura di livello internazionale riconosciuta come eccellenza al pari delle celebri scuole del Circo di Mosca e del Circo di Stato cinese. Qui i giovani allievi, sotto la guida di istruttori diretti da Andrea Togni imparano le tecniche, la fantasia e la disciplina.
Gli allevi sono stati i manager e imprenditori.

«Vi sono parallelismi realistici e tutt’altro che impertinenti tra l’Accademia Circense e il mondo dell’impresa – sottolineano Tiziana Recchia e Monica Bertini, di Cassiopea,  società veronese di formazione –. Imprenditori e manager, come gli artisti, devono avere resistenza, fantasia, determinazione, equilibrio, coraggio, spirito di squadra e grande talento organizzativo e gestionale».

Tra questi, testimonial di eccezione, Silvia Nicolis Presidente del Museo, che si è cimentata dell’arte del Trapezio. Guarda il VIDEO 1VIDEO  2

Il team: l’arte dell’equilibrio

Un progetto nato da Cassiopea in forma esclusiva con l’Accademia d’Arte Circense.
Una giornata outdoor esclusiva e innovativa dove la metafora circense diventa spunto per molte considerazioni di cambiamento professionale individuale e di gruppo. Un parallelismo tra le abilità degli artisti circensi e le competenze richieste all’azienda per essere competitiva.
Presso l’Accademia d’Arte Circense di Verona, la più antica e rinomata realtà di questo genere in Europa, le persone sono chiamate a partecipare attivamente ad alcune delle attività tipiche dell’arte circense: il trapezio, la clownerie, il filo, il trampolino e la giocolerie, utili a riflettere sulle caratteristiche più funzionali alle imprese e allo spirito di squadra. Nel pomeriggio, seguiti dai formatori di Cassiopea, si svolge il debriefing della giornata per ricavare ogni possibile spunto di crescita tratto dall’esperienza, che possa essere direttamente applicabile nella quotidianità operativa.

Risultati attesi
L’esperienza circense mira a far sperimentare al gruppo temi quali la fiducia, l’addestramento, il sostegno reciproco, la forza di volontà e la costanza, andare oltre i propri limiti, il metodo, la forza individuale e la forza del gruppo, l’importanza dei ruoli e molto altro.

Leggi anche l’articolo Il Sole 24Ore di Barbara Ganz

Leggi anche l’artcolo Amici del Circo

 

 

Il museo su Instagram