Maserati, 1970, Indy America 4700

Maserati “Indy America 4700”, Vignale, 1970.

Guidata da Wilbur Shaw, la Maserati 8 CTF vinse la 500 Miglia di Indianapolis del 1939 e la Maserati fu la prima Casa Automobilistica europea (ed italiana) a vincere la corsa dopo la Peugeot nel 1914. Dove avevano fallito la Fiat, la Mercedes, l’Alfa Romeo e la Bugatti riuscì la piccola Casa bolognese.

Il successo venne ripetuto, sempre da Wilbur Shaw con la 8 CTF, anche nell’edizione 1940 ed entrò nella leggenda, essendo stato il primo bis nella storia della più importante corsa americana.

Per ricordare questa vittoria, al salone di Torino del 1968 Maserati presenta quella che fu la naturale evoluzione della Mexico: la Indy, coupé sportivo, ma con una buona abitabilità per 4 persone, spinta da un 8 cilindri a V di 4136cc

Nel corso degli anni di produzione, le modifiche più importanti riguardarono il motore; nel 1970 la cilindrata fu aumentata a 4700 cc e la vettura assunse la denominazione di Indy America; dal 1973 rimase in produzione la sola versione con il motore 4900 che già aveva equipaggiato la Ghibli SS.

L’Indy ebbe una buona riuscita commerciale e rimase in produzione anche dopo l’acquisto della Casa modenese da parte della Citroen.

 

 

Audioguida

Veicolo
Marca: Maserati
Modello: Indy
N. Cilindri / Cilindrata: 8 a V/4719 cc
Potenza: 290 CV a 5200 g/min
Velocità: 260 km/h
Peso: 1550 kg
Lunghezza: 474 cm
Larghezza: 176 cm
Altezza: 122 cm
Anno: 1968 -1975
Esemplari prodotti: 1.104
Carrozzeria:
Marca: Vignale
Tipo: Coupè 2 porte 4 posti
Il museo su Instagram