VERONA LEGEND CARS, Museo Nicolis: le vetture che hanno fatto la storia del motorismo italiano.

Ci saranno auto leggendarie perché, come hanno detto gli stessi organizzatori, “l’auto ha un futuro solo se fa sognare”. Un bel biglietto da visita per “Verona Legend Cars”, la nuova rassegna di auto storiche che, per la prima volta, si terrà a Verona dall’8 al 10 maggio, nell’ambito del quartiere fieristico.

Verona si anima di leggende a quattro ruote dall’8 al 10 maggio
Tariffa unica agevolata per visitare il Museo Nicolis di Verona

La Bugatti tipo 49 per la prima volta in Italia insieme alle Vettura del
la Cité dell’Automobile di Mulhouse

Villafranca, 05 Maggio – Ci saranno auto leggendarie perché, come hanno detto gli stessi organizzatori, “l’auto ha un futuro solo se fa sognare”. Un bel biglietto da visita per “Verona Legend Cars”, la nuova rassegna di auto storiche che, per la prima volta, si terrà a Verona dall’8 al 10 maggio, nell’ambito del quartiere fieristico.

La parola d’ordine, una sorta di fil rouge che attraversa l’intera manifestazione, è “integrazione” fra Heritage e contemporaneità, tradizione e innovazione, un principio che nel mondo del motorismo è ormai un dato di fatto. A condividere l’entusiasmo per questa inedita rassegna che per tre giorni animerà non solo l’area fieristica veronese, ma l’intera città, anche il Museo Nicolis di Villafranca, oggi uno dei più importanti musei privati in Italia e in Europa che, per l’occasione, metterà a disposizione di “Verona Legend Cars” alcuni gioielli della sua collezione di auto storiche.

Dal Nicolis infatti arriveranno alcune vetture leggendarie che hanno segnato la storia del motorismo internazionale. “Per me è molto importante operare attraverso una promozione culturale strategica che ci consente di valorizzare il motorismo ed il territorio ad un livello internazionale grazie alla collaborazione con Eventi e Musei di altissimo profilo” conferma Silvia Nicolis, Presidente del Museo.

Per favorire ulteriormente appassionati e turisti ha messo a punto con l’Ente Fiera e gli organizzatori di Verona Legend Cars un accordo che include la visita al Museo di Villafranca con biglietto a tariffa agevolata

Pedigree prestigioso, testimonianze del Made in Italy e grandi storie da raccontare sono gli elementi che accomunano queste vetture. Vale quindi la pena di avere qualche anticipazione su quello che si potrà ammirare alla Fiera di Verona nell’area del Museo Nicolis :

Sorpresa Bugatti, in mostra al Padiglione 1
Di questo marchio, il Museo Nicolis di Villafranca presenta la Bugatti Type 49: esposta al salone di Parigi nel 1930 è considerata l’ultima Bugatti progettata e prodotta da Ettore che poi lascerà le redini dell’azienda al figlio Jean. Alla Bugatti e al suo mito, Verona Legend Cars dedica una mostra speciale che si avvale della collaborazione di un autentico tempio del motorismo europeo: la Cité dell’Automobile di Mulhouse. Altre Bugatti provenienti dalla Francia completeranno quest’area esclusiva, una chicca da non perdere per chi ha nel cuore questo grande brand italiano .

Lancia Astura “Berlina- Padronale Gran Sport”, 1936
Datato 1936, questo splendido esemplare del grande marchio italiano viene ricondotto alla 3° serie di questa categoria ed è senza dubbio quello per cui vennero ideate le carrozzerie più prestigiose e creative. Il modello del Museo è di tipo “padronale”a 4 luci, una berlina lussuosa, prediletta da chi amava condurre personalmente la propria vettura, senza affidarsi all’autista. Nomi prestigiosi come Pininfarina contribuirono a fare dell’Astura una delle macchine più rappresentative degli anni ’30, tanto è vero che la 4° e ultima serie, prodotta fino al 1939, viene citata anche perché fu utilizzata come auto di rappresentanza su commissione di Mussolini, in un periodo in cui il governo italiano necessitava di vetture ministeriali. Cilindrata 8/2973 cc, velocità massima 130 km/h, potenza 82 CV a 4000 giri/min, ne furono prodotti circa 1700 esemplari dal 1934 al 1937.

Maserati “3500 GT Spider Vignale”, 1960
Una delle auto più rappresentative per la casa del Tridente che presentò la versione spider nel 1960 sulla scorta del successo registrato dalla 3500 GT Coupé, carrozzata Touring, del 1957. Disegnata da Giovanni Michelotti, uno dei più prolifici designer italiani del dopoguerra, e vestita dalla carrozzeria Vignale, la spider venne presentata al Salone di Torino del 1959 già dotata di freni a disco anteriori, diventati poi di serie su tutta la gamma a partire dal 1960.

Fiat 1.500 C Bertone, 1941
La 1500 fu presentata al Salone dell’auto di Milano nel 1935, con un motore simile a quello della Balilla, al quale erano stati aggiunti due cilindri per un totale di quasi 1500 cc, all’epoca un vero e proprio record! La carrozzeria Bertone fu la prima a interpretare in modo personale il nuovo modello Fiat presentando, già nel 1936, alcune vetture che esaltavano le linee aerodinamiche delle auto di serie. La carrozzeria dell’esemplare proveniente dal Museo Nicolis fu probabilmente disegnata da Mario Revelli di Beaumont verso la fine della seconda Guerra Mondiale e costruita da Bertone nel 1945 con una serie di innovazioni stilistiche e aerodinamiche molto evidenti, dall’inclinazione del parabrezza alla calandra con lo scudo centrale, ai due baffi laterali che richiamano il frontale delle Alfa Romeo. Potenza di 45 CV a 4400 giri/min, poteva raggiungere i 115 Km/h

Lancia “Dilambda”, 1930
Lunga più di cinque metri, la Dilambda è stata l’ammiraglia di casa Lancia fino al 1931, quando venne sostituita dall’ Astura. Inizialmente progettata per il mercato americano, venne poi adattata a quello europeo e presentata al Salone di Parigi nel 1929. Per le eccellenti caratteristiche di guida, prestazioni, comodità e silenziosità di marcia, il telaio della Dilambda fu utilizzato dai più grandi carrozzieri indipendenti italiani e stranieri (per l’Italia Pininfarina, Castagna, Cesare Sala, Stabilimenti Farina) per realizzare carrozzerie esclusive in grado di soddisfare qualsiasi esigenza; basti ricordare la coupé de ville carrozzata Castagna del Museo Nicolis, oggetto di un attento restauro finalizzato a ricreare nell’abitacolo l’atmosfera raffinata di quegli anni .

Nota per le redazioni
Oggi uno dei più importanti Musei privati in Italia e in Europa, il Museo Nicolis di Villafranca, a pochi chilometri da Verona, custodisce 8 collezioni di pezzi rarissimi, spesso unici: circa 200 auto e 105 moto d’epoca, 120 biciclette dalle origini ai giorni nostri, 120 strumenti musicali, 500 macchine fotografiche e 100 macchine per scrivere, piccoli velivoli e preziosi accessori da viaggio “Vintage”.

Per informazioni
Museo Nicolis – tel. +39 045 630 32 89 – 045 630 49 59
Via Postumia – 37069 Villafranca di Verona
www.museonicolis.com: museonicolis@museonicolis.com

Condividi con
  • Il museo su Instagram