Lancia, 1933, Artena II serie

Lancia “Artena II serie” coupé de ville, Cesare Sala, 1933.

La Lancia Artena (lo stesso nome di un antico borgo laziale) fu presentata al Salone di Parigi del 1931; essa e la sorella maggiore Astura, presentata in contemporanea, erano destinate a prendere sul mercato il posto rispettivamente della Lambda e della Dilambda.

L’Artena era una vettura di concezione più tradizionale con un telaio separato che derivava da quello della Dilambda, aggiornato e più confortevole; un telaio destinato quindi a essere vestito anche dai carrozzieri indipendenti nella forma desiderata dai clienti. Dotata di una meccanica robusta e affidabile in grado di garantire adeguate prestazioni l’Artena non seppe ripetere il successo commerciale e di immagine della Lambda, forse anche perché offuscata dalla presenza della Astura ben più importante e di prestigio, ma venne comunque prodotta fino al 1940 in quattro serie per un totale di oltre 5.500 esemplari. .

L’Artena del Museo è una coupé de Ville un tipo di vettura quindi destinato a essere guidato dall’autista, della rinomata Carrozzeria Cesare Sala.

Da apprezzare particolarmente è la presenza di tanti particolari integri e originali, compresi la targa e il libretto di circolazione.

Audioguida

Veicolo
Marca: Lancia
Modello: Artena
N. Cilindri / Cilindrata: 4/1924 cc
Potenza: 55 CV a 4000 g/min
Velocità: 115 km/h
Peso: 1150 kg
Lunghezza: 436 cm
Larghezza: 168 cm
Altezza: 170 cm
Anno: 1933
Esemplari prodotti: 1.520
Carrozzeria:
Marca: Cesare Sala
Tipo: coupé de Ville
Il museo su Instagram