Il Nicolis per una sera si trasforma in teatro. 14 Novembre ore 20.30. ingresso libero fino ad esaurimento posti

“IL RAGAZZINO E LA BICICLETTA” Biografia non autorizzata di una bicicletta chiamata “Umberto Dei”

IN SCENA AL MUSEO NICOLIS DI VILLAFRANCA LA PIECE DEL TEATRO IMPIRIA

“IL RAGAZZINO E LA BICICLETTA”

Biografia non autorizzata di una bicicletta chiamata “Umberto Dei”

14 NOVEMBRE ore 20.30,

ingresso libero fino ad esaurimento posti

7238

Villafranca, 08 novembre ”Il ragazzino e la bicicletta”: è questo il titolo dell’opera teatrale che andrà in scena al Museo Nicolis di Villafranca.

A promuovere l’iniziativa culturale (nella quale molti troveranno sorprendenti analogie con la storia personale di Luciano Nicolis , il fondatore del Museo che ha iniziato la sua carriera da ragazzino proprio percorrendo in bicicletta i paesi del veronese per recuperare sacchi e carta da macero….) è una importante realtà imprenditoriale veronese, Alitrans, società guidata dalla famiglia Bresaola che ha sempre affiancato allo sviluppo del proprio business di spedizioni internazionali un solido impegno in iniziative sociali e culturali

Ci sono tanti motivi per non perdere lo spettacolo, destinato a un pubblico di ogni età. Per la prima volta infatti la Compagnia del Teatro Impiria – gruppo veronese nato nel 2006 da un progetto di Andrea Catelletti per aggregare artisti diversi attorno a forme d’arte innovative – ha scelto non un palcoscenico tradizionale, ma un contesto culturale inconsueto come il Museo Nicolis che – vale la pena ricordarlo –ospita fra le sue collezioni anche una straordinaria raccolta di 100 biciclette, dalle origini ai giorni nostri!

La seconda ragione – e qui il talento degli autori e degli attori si “dichiara” apertamente – è che il protagonista della pièce teatrale si chiama Umberto Dei il quale però, si badi bene, non è una persona ma una bicicletta, anzi un marchio “cult” di veicoli a due ruote. In nome di questo mito il signor Arnaldo Scura, affermato broker finanziario, abbandona la sua remunerativa professione per cambiare vita e diventare meccanico e restauratore di biciclette in una officina lungo il naviglio Martesana a Milano……..ma il compito di raccontare la storia, bellissima e piena di sorprese, va lasciato, ovviamente, agli attori della compagnia Impiria…….

Difficile trovare in una sola data ( 14 novembe ) e in una unica performance, tante ragioni per non perderla. Per chi ama il teatro, le biciclette, le sperimentazioni culturali, gli ambienti inconsueti, per i veronesi DOC, per chi conosce il Museo Nicolis oppure per chi non lo ha mai visto, il “Ragazzino e la Bicicletta”, diretto da Andrea Castelletti, con Guido Ruzzenenti e Nicola Benetti e gli attori della Compagnia Impiria, può essere l’occasione per trascorrere una serata diversa, forse indimenticabile….

Pièce teatrale: “IL RAGAZZINO E LABICICLETTA “ tratta dal romanzo “Umberto Dei- biografia non autorizzata di una bicicletta” – di Michele Manzini, scrittore e giornalista riminese

Adattamento e regia: Teatro Impiria – Verona

Di chi si parla: di Umberto Dei, il marchio mito di una grande due ruote che cambia la vita di Alberto Scura e ce lo fa incontrare nel laboratorio-officina lungo il Naviglio Martesana, a Milano….

Dove: al Museo Nicolis di Villafranca, Impresa culturale che all’attività museale affianca molteplici iniziative (Centro Congressi, Bookshop, Vintage Store, Attività Didattiche; Eventi sperimentali, ecc)

Quando: il 14 novembre, alle ore 20.30 con INGRESSO LIBERO fino a esaurimento posti

La sorpresa: un esemplare unico del modello “Umberto Dei” si può ammirare al Museo Nicolis,nella collezione di 100 biciclette……

Gli imprenditori veronesi che hanno promosso con il Nicolis l’evento culturale: Giulio Bresaola e la sua famiglia, presenti nel territorio veneto dal 1971 e creatori di Alitrans, leader nelle spedizioni

Il museo su Instagram