Il Museo Nicolis in diretta su Rai2 “I FATTI VOSTRI ” conduce Giancarlo Magalli

Venerdì 3 ottobre dalle ore 12.00 - Come si viaggiava agli inizi del ‘900? Protagonisti auto, moto e accessori di un tempo 

Venerdì 3 ottobre dalle ore 12.00

Come si viaggiava agli inizi del ‘900?

Protagonisti auto, moto e accessori di un tempo

www.ifattivostri.rai.it

 

Villafranca, 02 ottobre 2014 – Chissà come era trovarsi “on the road”, più o meno agli inizi del Novecento?
Ce lo racconta, anticipando curiosità e divertimento per tutti, Giancarlo Magalli nella puntata de “I FATTI VOSTRI” , in onda venerdì 3 ottobre dalle 12:00 alle12:30, su RAI DUE.

Ospite in studio, a “supportare” il conduttore in questo entusiasmante racconto, anche Silvia Nicolis, presidente del Museo Nicolis di Villafranca, che mostrerà in diretta, attraverso alcuni preziosi esemplari delle collezioni del Museo, come viaggiavano i nostri antenati, sia che scegliessero le comodità di una splendida vettura, sia che optassero, sportivamente, per i primi esemplari di “scooter”. Per dare qualche anticipazione partiamo proprio da questo, cioè dalla Skootamota, a pieno titolo il pioniere dei moderni scooter. Non tutti sono d’accordo, ma pare che la parola scooter derivi dall’inglese to scoot, cioè “darsela a gambe”, “svignarsela agilmente”. Questa interpretazione, forse arbitraria ma certamente intrigante, la dice lunga sulla personalità di questo bizzarro veicolo a due ruote la cui invenzione va attribuita all’Inghilterra con l’ABC Skootamota.

Non meno curiosa e spettacolare la Peugeot Tipo 58 , il cui primo esemplare, nel lontano 1893, fu acquistato da Gaetano Rossi, titolare delle Industrie Lanerossi di Vicenza. La vettura, con Motore Daimler e corredata di strapuntini e capote, fu la prima del suo genere a circolare in Italia. Il successo non si fece attendere e già nel 1900 la produzione totale della casa francese arrivò a 500 vetture l’anno. La vettura del Nicolis che verrà presentata in trasmissione è una Tipo 58, ha motore monocilindrico superquadro con albero a due supporti, frizione a cono e trasmissione a cardano con cambio a 3 marce. Particolarmente curioso il sedile cosiddetto “della suocera”, estraibile e applicabile (ma solo all’occorrenza…..) nella parte posteriore della vettura.

E per finire…….che cosa portavano in viaggio i nostri antenati? Se parliamo di accessori da viaggio, la scelta è vastissima e non c’è che da sbizzarrirsi: borse, bauli, cappelliere, raccolti con passione dal collezionista Paolo Crescimbeni che collabora con il Museo Nicolis nella sezione Vintage, ci fanno capire quanto fossero raffinati ed esigenti molti dei nostri antenati-viaggiatori. La testimonianza di questo, che “ingolosirà” chiunque assista alla trasmissione, è rappresentata da un set da viaggio inglese del 1910 che mostra una serie di oggetti assolutamente “irrinunciabili”!! Ecco qua: la borsa da viaggio in pelle di vacca, mentre l’interno è rivestito in pelle di cinghiale, contiene cinque flaconi in cristallo con tappi in metallo argentato, un tirabaffi, un arricciacapelli con manico in avorio, un calzascarpe/tiralacci. Ancora: un astuccio con accessori per la pulizia personale, impugnatura in avorio e specchio, cartellina in pelle per la corrispondenza completa di penna in oro, un contenitore porta-petrolio per alimentare il fornellino e…….se tutto questo non vi sembra sufficiente, anche un prezioso ferro da stiro con impugnatura in legno e sezione in acciaio per i piccoli ritocchi. Una borsa da viaggio stupefacente e che tutti vorremmo avere, datata 1900.

Questo e molto altro……..a “I FATTI VOSTRI, VENERDì 3 OTTOBRE DALLE ore 12.00, con Giancarlo Magalli. Ospite in studio, con i suoi “tesori d’epoca”, Silvia Nicolis, presidente dell’omonimo Museo di Villafranca.

Il museo su Instagram