“Best of Belron” – Fiera di Roma Il 21 e il 22 Maggio

Il Museo Nicolis di Villafranca al “Best of Belron” - Fiera di Roma Il 21 e il 22 Maggio Ci saranno più di 1000 ospiti provenienti da 34 paesi, fra cui ben 500 compagnie assicurative, e speaker internazionali, alla grande kermesse “ Best of Belron”

Un evento internazionale per parlare di tecnologia,
sicurezza e prospettive del mercato auto 1000 ospiti da 34 paesi
cultura, tradizione e innovazione vanno a “braccetto”per sfidare il futuro

Ci saranno più di 1000 ospiti provenienti da 34 paesi, fra cui ben 500 compagnie assicurative, e speaker internazionali, alla grande kermesse “ Best of Belron” promossa da Belron, leader mondiale nella riparazione e sostituzione di vetri d’auto, in Italia presente con il Brand Carglass, alla Fiera di Roma il 21 e il 22 Maggio.

Un grande evento che ha l’obiettivo di eleggere il miglior tecnico del mondo Belron; l’occasione sarà anche importante per parlare di innovazione tecnologica, sicurezza in auto, competenze e servizi, ma anche per fare una overview globale sul mercato dell’auto e della mobilità, oggi e in futuro, con una sessione speciale interamente dedicata alle innovazioni che hanno cambiato e migliorato la qualità della vita.

1000 persone fra tecnici installatori, responsabili assicurativi e commerciali, si confronteranno sulle tematiche più attuali che caratterizzano il mondo dell’auto; il focus sarà su nuove tecnologie e servizi al cliente, ma anche sulle problematiche che caratterizzano il motorismo in tutto il mondo e che chiedono agli operatori del settore competenze sempre più evolute e una nuova cultura del servizio.

La valutazione a tutto campo del futuro parte però da una osservazione attenta del passato e delle tappe che hanno segnato la storia del motorismo. Per questo, all’evento partecipa il Museo Nicolis di Villafranca, testimone della cultura dell’automobile e che interverrà a “Best of Berlon 2014” con alcune delle proprie auto storiche che, a vario titolo, hanno scritto capitoli importanti nella evoluzione del motorismo.

Queste le cinque ruote d’epoca che, per l’occasione, hanno lasciato il loro “posto” nella collezione di auto d’epoca del Museo Nicolis di Villafranca e che i 1000 ospiti provenienti da tutto il mondo potranno ammirare alla Fiera di Roma.

MERCEDES BENZ R107-450 SL – 1976
A tutt’oggi è la Mercedes rimasta in produzione per più tempo e prodotta, pressoché invariata, dal 1971 al 1989 – La carrozzeria particolarmente robusta le ha valso il titolo di “panzerwagen” – Vettura potente e di grande comfort, è perfetta per i lunghi viaggi. Ha partecipato ad alcune produzioni cinematografiche; la più ricordata è American Gigolo, dove era l’auto di Richard Gere.

FERRARI 348 Tb – 1990
Firmata Pininfarina, questa berlinetta ha telaio con struttura portante in acciaio a elementi di varie sezioni, e sottotelaio posteriore a traliccio in tubi. Le fiancate sono caratterizzate dalle griglie di raffreddamento per il propulsore e i radiatori e da nuovissimi cerchi disegnati espressamente per questo modello.

DELOREAN “DMC 12” – 1981
John Z. DeLorean è stata una delle più controverse figure del mondo automobilistico fra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta. La vettura da lui creata, la DMC 12, anche se dotata di un motore di derivazione Peugeot, che non le consentiva prestazioni esaltanti, ha comunque lasciato una traccia fra le granturismo di quegli anni. Alla progettazione del telaio aveva contribuito anche Colin Chapman, il patron della Lotus; la carrozzeria invece, costruita interamente in acciaio satinato con l’apertura delle porte ad ali di gabbiano porta la firma di Giorgetto Giugiaro.

FIAT 600 D COUPE’ VIOTTI – 1965
La vettura più “trasformata” dagli italiani. La 600, infatti, è stata l’auto più modificata e personalizzata dai carrozzieri e preparatori che hanno dato libero sfogo alla loro creatività, lanciando lo stile italiano nel mondo. Questa particolare versione (600 con cilindrata 750 , coupé con tetto apribile) è opera di Viotti, il cui nome è legato alla diffusione, nel dopoguerra, della station-wagon, a quei tempi chiamata più semplicemente “giardinetta”.

ISO RIVOLTA – GT-IR 300
L’azienda produttrice( la Iso Automotoveicoli SpA) presentò nel 1953 la famosa Isetta, vetturetta che ebbe uno straordinario successo in Italia e in Europa, dove fu prodotta da diverse case automobilistiche. Il prototipo della Rivolta GT IR 300 fu presentato nel 1962. La vettura, carrozzata Bertone, entrò in produzione nel 1963 e fu la Gran Turismo di maggiore successo della casa lombarda.

Condividi con
  • Il museo su Instagram