Come eravamo, come viaggiavamo agli inizi del ‘900? Ce lo racconta, con particolari inediti, la prossima puntata di “easy driver”

Il tema, destinato ad appassionare migliaia di telespettatori  è, in estrema sintesi, “il viaggio”. In realtà, la puntata di “EASY DRIVER” - in onda sabato 21 febbraio alle ore 14:00 su RAI UNO ci dice molto di più, facendoci  scoprire particolari inediti della vita del XX e XXI secolo, attraverso gli oggetti che hanno attraversato duecento anni di storia contemporanea.
COME ERAVAMO, COME VIAGGIAVAMO AGLI INIZI DEL ‘900 ? CE LO RACCONTA, CON PARTICOLARI INEDITI, LA PROSSIMA PUNTATA DI “EASY DRIVER”

Sabato 21 febbraio  – ore 14:00 – RAI UNO – dal Museo Nicolis di Villafranca 

Villafranca, 3 febbraio 2015 – Il tema, destinato ad appassionare migliaia di telespettatori  è, in estrema sintesi, “il viaggio”. In realtà, la puntata di “EASY DRIVER” – in onda sabato 21 febbraio alle ore 14:00 su RAI UNO – ci dice molto di più, facendoci  scoprire particolari inediti della vita del XX e XXI secolo, attraverso gli oggetti che hanno attraversato duecento anni di storia contemporanea.

La puntata ci racconta, per esempio, come erano, come viaggiavano, che cosa sceglievano gli uomini e le donne che agli inizi del ‘900 partivano per lunghi viaggi di piacere, con autisti impeccabili e vetture ricche di ogni comfort, oppure quelli che, più sportivi e ardimentosi, decidevano di  provare direttamente i nuovi mezzi a due e quattro ruote e affrontavano percorsi carichi di imprevisti. Per offrire  testimonianze concrete e aiutare gli spettatori a “liberare” sogni e fantasie, gli autori si sono affidati al Museo Nicolis di Villafranca, uno dei più importanti musei privati in Europa per  tutto quanto attiene al mondo dei trasporti e del motorismo ma, in realtà, un inesauribile contenitore di sorprese!  Gli spunti offerti dalla trasmissione sono innumerevoli e gli spettatori potranno deliziarsi ammirando le auto che hanno accompagnato tanti campioni del passato, da Ascari, a Nuvolari, a Villoresi, per citarne solo alcuni. Lancia Astura Mille Miglia, Alfa Romeo, Bugatti e Mercedes Benz, Isotta Fraschini, Ferrari e Maserati sono solo alcune delle quattro ruote  più famose, ma la collezione di auto d’epoca che il Museo Nicolis di Villafranca offre all’ammirazione dei visitatori ne comprende oggi più di 200, di tutti i marchi, epoche e cilindrate, perfettamente conservate e restaurate. E per immaginare partenze e arrivi negli hotel più prestigiosi d’Europa, a fianco delle vetture ci saranno bauli e cappelliere, borse e valigie d’autore che, da sole, fanno immaginare viaggi all’insegna del lusso e del massimo comfort e che, oggi, soddisfano i più raffinati estimatori del “vintage”.

Agli amanti delle due ruote, invece, la puntata di EASY DRIVER riserva emozioni “on the road” con alcuni dei bolidi più belli e rombanti che abbiano solcato le strade di un tempo, basti citare le moto di culto firmate da Bianchi, Guzzi, Peugeot, Triumph, Norton Manx…..anche questi esemplari unici e preziosi che hanno aperto la strada al motorismo attuale. Nella trasmissione anche molti oggetti “fashion”, come le cuffie di cuoio che precorrono i moderni caschi, occhiali protettivi, contenitori, sacche sportive.

Ma i viaggi di un tempo, perché no, potevano essere anche in bicicletta, uno dei mezzi di trasporto più usati e che ha attraversato intere generazioni. Dalla Draisina del 1816, il primo “abbozzo” di bicicletta, un blocco unico in legno senza sterzo e senza pedali, ai primi esemplari di Michaudine con pedali e poi via via, ai modelli leggeri e potenti che hanno accompagnato epiche scalate in solitaria, anche sul fronte delle biciclette il Museo Nicolis è un autentico forziere che la trasmissione EASY DRIVER  ha aperto per mostrarne le meraviglie ai telespettatori. E il percorso all’interno di questo Museo, creato dall’imprenditore veronese Luciano Nicolis, prosegue con l’occhio della  telecamera che cattura strumenti musicali e melodie d’altri tempi, macchine fotografiche e per scrivere che lasciano increduli (lo sapevate che la chiocciolina della posta elettronica appare già sui tasti delle macchina per scrivere di fine 800 ?) e tanti oggetti che hanno segnato la vita dell’uomo negli ultimi due secoli. La meccanica è il “motore propulsivo” di molte innovazioni ma, in realtà, il filo conduttore che lega le 7 collezioni del Museo  è soprattutto il genio dell’uomo. Solo al genio e al talento individuale possono infatti essere ricondotte tante invenzioni che il servizio televisivo passa in rassegna e che ci fanno capire come si sia evoluta la società dei nostri tempi. Per questo, e per molto altro, la prossima puntata di EASY DRIVER è imperdibile e piacerà a grandi e piccini – SABATO 21 febbraio ALLE ORE 14:00 – dal Museo Nicolis di Villafranca (Verona) .

Il museo su Instagram