Lancia, 1933, Artena II serie

Lancia “Artena II serie” coupè de ville – 1933

La Lancia Artena (lo stesso nome di un antico borgo laziale) fu presentata al Salone di Parigi del 1931; essa e la sorella maggiore Astura, presentata in contemporanea, erano destinate a prendere sul mercato il posto rispettivamente della Lambda e della Dilambda.

L’Artena era una vettura di concezione più tradizionale con un telaio separato che derivava da quello della Dilambda, aggiornato e più confortevole; un telaio destinato quindi a essere vestito anche dai carrozzieri indipendenti nella forma desiderata dai clienti. Dotata di una meccanica robusta e affidabile in grado di garantire adeguate prestazioni l’Artena non seppe ripetere il successo commerciale e di immagine della Lambda, forse anche perché offuscata dalla presenza della Astura ben più importante e di prestigio, ma venne comunque prodotta fino al 1940 in quattro serie per un totale di oltre 5.500 esemplari. .

L’Artena del Museo è una coupé de Ville un tipo di vettura quindi destinato a essere guidato dall’autista, della rinomata Carrozzeria Cesare Sala.

Da apprezzare particolarmente è la presenza di tanti particolari integri e originali, compresi la targa e il libretto di circolazione.

Veicolo
Marca: Lancia
Modello: Artena
N. Cilindri / Cilindrata: 4/1924 cc
Potenza: 55 CV a 4000 g/min
Velocità: 115 km/h
Peso: 1150 kg
Lunghezza: 436 cm
Larghezza: 168 cm
Altezza: 170 cm
Periodo di produzione: 1932 - 1934
Esemplari prodotti: 1.520
Carrozzeria:
Marca: Cesare Sala
Tipo: coupé de Ville
Sponsor
Amici del Museo