Epifania al Museo Nicolis, un viaggio nella storia del Novecento!

Immergiti nella Visita Guidata Gratuita alla scoperta delle dieci collezioni. Lunedì 6 Gennaio ore 15

Se vuoi trascorrere un’Epifania diversa dal solito, il Museo Nicolis ti offre l’opportunità di conoscere i tesori che compongono le dieci prestigiose collezioni. Ore speciali per ricaricarsi, pronti a tornare alle occupazioni quotidiane con un’esperienza unica nel proprio bagaglio.

Lunedì 6 Gennaio alle ore 15.00 con l’ingresso a prezzo RIDOTTO (adulti 10 euro, anziché 12 e bambini 0-10 anni OMAGGIO) partecipa alla visita guidata GRATUITA che ti farà scoprire le collezioni uniche custodite al Nicolis ma anche sorprendenti aneddoti e curiosità per tutte le età.

Un viaggio nella storia del Novecento in un percorso lungo 1 km, dove ad ogni angolo rimarrai sorpreso e affascinato da oggetti e opere d’arte che l’ingegno dell’uomo ha saputo creare. Sono centinaia le auto d’epoca, le moto e le biciclette che potrai ammirare in un’esposizione che racconta l’evoluzione di questi mezzi attraverso i progressi dell’intera società.

La visita però non finisce qui perché nei 6000 mq del Museo Nicolis c’è molto di più: 500 macchine fotografiche100 strumenti musicali100 macchine per scrivereaeromobili e una rara collezione di oltre 100 volanti delle monoposto di Formula 1.

Ricordiamo che fino al 16 Febbraio 2020 sarà possibile visitare la Mostra dedicata ai 70 anni del Vespa Club d’Italia, I grandi Trofei. Al Museo Nicolis, in collaborazione con il Vespa Club d’Italia e la celebre Collezione “Vite da Vespa” di Marco Romiti, una straordinaria rassegna dove saranno fruibili a tutti gli appassionati, per la prima volta fuori dalla Sede istituzionale, i Trofei conquistati dai vespisti nelle attività sociali divenute pietre miliari del mitico sodalizio, tenute fra l’Italia e l’Europa.

Prenotati tramite mail a info@museonicolis.com oppure chiamando al tel. 045 6303289.

Passerai un pomeriggio piacevole ed originale tra cultura, bellezza e divertimento. Ti invitiamo a portare i tuoi amici, la tua famiglia e i tuoi bambini, sarà una visita che sorprenderà tutti!

NOTA PER LA REDAZIONE

Tra le più emozionanti e suggestive esposizioni private nel panorama internazionale, il Museo Nicolis di Verona narra la storia della tecnologia e del design del XX secolo. Il riconoscimento dell’eccellenza gli deriva oggi dall’attribuzione del più ambito e prestigioso premio nel panorama mondiale dell’auto classica: Museum of the Year 2018 a The Historic Motoring Awards, Londra.

La nascita del Museo si deve alla grande passione di Luciano Nicolis. La storia di una vita che ha trovato la sua collocazione in uno spazio espositivo di 6000 mq nel duemila, anno della sua inaugurazione. I suoi capolavori sono stati suddivisi in dieci diverse collezioni con l’obiettivo di costruire un percorso organico, professionalmente qualificato e strutturato per soddisfare il visitatore più esigente. Il patrimonio delle collezioni è di grande spessore e rappresenta una realtà esclusiva: oltre 200 auto d’epoca, 110 biciclette, 100 motociclette, 500 macchine fotografiche, 100 strumenti musicali, 100 macchine per scrivere, aeromobili, oltre 100 volanti delle sofisticate monoposto di Formula 1 e innumerevoli opere dell’ingegno umano esposte secondo itinerari antologici, storici e stilistici.

Non è un caso che il Museo Nicolis rappresenti un “unicum” nel suo genere e venga indicato come emblematico della moderna cultura d’impresa.

Silvia Nicolis ricopre il ruolo di vice presidente di Museimpresa, l’associazione che fa capo ad Assolombarda e Confindustria per la valorizzazione del patrimonio di storia industriale italiana. E’ inoltre componente di Giunta di Camera di Commercio Verona con delega al Turismo.

 

 

PRESS OFFICE

press@museonicolis.com M. +39 342 9158700

Dove: Museo Nicolis | Villafranca di Verona | Viale Postumia, 71

Quando: Aperto dal Martedì alla Domenica. Chiuso il Lunedì.

Orario: continuato 10-18

Contatti: info@museonicolis.com

tel +39 045 6303289 / 6304959 fax +39 045 7979493

 

Sponsor
Amici del Museo