Lancia, 1947, Aprilia II serie Speciale

Lancia Aprilia “2 serie speciale” – 1947

Sia la I che la II serie dell’Aprilia furono offerte con telai con passo diverso in modo da poter essere allestite con vari tipi di carrozzeria o essere vendute come autotelai nudi per i carrozzieri indipendenti. Tutti i maggiori carrozzieri italiani (Bertone, Touring, Vignale, Pinin Farina per citarne alcuni) crearono bellissime carrozzerie per il telaio Aprilia, che in certi casi somigliava a una piccola Astura.

Negli anni Trenta lo stile americano, vistoso e opulento, aveva influenzato tutti i carrozzieri italiani e europei che dopo la guerra tornarono ad una più sobria eleganza esaltata dalle carrozzerie “pontoon fender”. Queste integravano i parafanghi nella linea della vettura, eliminando la profonda modellatura degli stessi che aveva segnato lo stile precedente.

La vettura del Museo è stata creata da Pinin Farina su un telaio lungo tipo 439; da questa creazione si può notare l’evoluzione dello stile con i fanali che man mano vengono inglobati nella linea del frontale e le pedane laterali che tendono ad essere eliminate. La naturale evoluzione di queste linee porterà in seguito alla nascita dell’ Aurelia.

L’Aprilia fu un’automobile di successo amata e apprezzata, la sua produzione cessò nel 1949.

2006 – Esposta alla Mostra “Aurelia, simobolo di un secolo Lancia“, Museo Bonfanti-VIMAR.

Veicolo
Marca: Lancia
Modello: Aprilia
N. Cilindri / Cilindrata: 4 a V / 1485 cc
Potenza: 49 CV a 4300 g/min
Velocità: 126 km/h
Lunghezza: 445 cm
Larghezza: 150 cm
Altezza: 150 cm
Periodo di produzione: 1939 - 1949 (II serie)
Esemplari prodotti: 12.932
Carrozzeria:
Marca: Pinin Farina
Tipo: Berlina
Sponsor
Amici del Museo