Innocenti, 1966, Mini Minor

Nel 1957 la BMC (British Motor Company) chiede all’ingegnere Alec Issigonis di realizzare un’utilitaria economica.

Issigonis progetta un’auto lunga circa tre metri e larga uno adatta ad ospitare quattro persone. Il motore viene inserito frontalmente e trasversalmente e, per non occupare ulteriore spazio nell’abitacolo, viene applicata al trazione anteriore.

La Mini Minor viene presentata al pubblico inglese il 26 Agosto 1959.

Il successo della Mini Minor arriva anche Italia, ma le spese di importazione ne causano un prezzo elevato, proibitivo per gli acquirenti italiani.

L’Innocenti, che aveva già contatti con la BMC per la produzione in Italia di un modello di Austin, ottiene la licenza per la produzione italiana della Mini Minor e inizia la costruzione nel 1965 negli stabilimenti di Lambrate. La Mini della Innocenti non tarda ad avere un enorme successo anche in Italia.

Il modello italiano presenta delle differenze rispetto a quello inglese: l’auto presenta rifiniture interne molto curate, una calandra anteriore diversa e il cofano posteriore adeguato alla targa quadrata in uso a quel tempo.

La produzione italiana inizia con la Mini Minor 850, affiancata nel Marzo del 1966 con la Cooper 1000 e nell’Ottobre dello stesso anno dalla Mini T (Traveller), giardinetta con i profili laterali in legno.

Esposizione I 60 anni della Mini Minor!

 

 

Veicolo
Marca: Innocenti
Modello: Mini Minor
N. Cilindri / Cilindrata: 4/848 cc
Potenza: 34 CV a 5000 g/min
Peso: 610 kg
Lunghezza: 303 cm
Larghezza: 140 cm
Altezza: 134 cm
Periodo di produzione: 1959 - 2000
Esemplari prodotti: 5.505.874
Carrozzeria:
Marca: berlina, quattro posti, due porte
Sponsor
Amici del Museo