Herbert Johnny – REGNO UNITO

John Paul Herbert, detto Johnny (Brentwood, 25 giugno 1964), è un pilota automobilistico britannico, vincitore di 3 Gran Premi in Formula 1 e della 24 Ore di Le Mans nel 1991 con la Mazda.

Herbert iniziò la sua carriera nei kart e successivamente passò in Formula Ford, categoria nella quale ottenne risultati rilevanti nonostante una vettura poco competitiva. La vittoria del Formula Ford Festival nel 1985 attirò quindi le attenzioni di Eddie Jordan, che decise di metterlo sotto contratto nel suo team di Formula 3. Alla sua seconda stagione, nel 1987, vinse quindi il titolo di categoria. Passato alla Formula 3000 l’anno seguente vinse al debutto la sua prima gara. Nel frattempo vari team di Formula 1, tra cui Williams Benetton, si erano interessati a lui e veniva descritto come uno dei piloti più promettenti in circolazione. Nell’agosto dello stesso anno, però, Herbert, che all’epoca dei fatti aveva già stretto un accordo con Peter Collins per disputare la stagione 1989 sulla Benetton, ebbe un grave incidente a Brands Hatch, rischiando di vedere compromessa la sua carriera.

Volanti:

  • Le mani del pilota strinsero il volante MOMO presente nella nostra collezione nel , l’anno del suo debutto nella regina delle serie con la scuderia Benetton. Ma mentre correva ancora per la Formula 3000, nel 1988, ebbe un incidente sul circuito di Brands Hatch. Nonostante questo, egli debuttò pochi mesi dopo in Formula 1 e sorprese gli addetti ai lavori: pilotò infatti il suo mezzo, per quanto gli fosse possibile, ottenendo ben 5 punti iridati (Gran Premio del Brasile e Gran Premio degli Stati Uniti), chiudendo la stagione al 14° posto della classifica piloti, sebbene avesse di fatto corso 8 gare su 16. Un risultato davvero invidiabile.
  • Il volante MOMO presente nella nostra collezione venne saldamente impugnato dal combattivo e risoluto pilota britannico, che si mise in luce fin dal suo esordio. L’anno 1993 vide il suo passaggio alla Lotus, con la cui scuderia partecipò al Campionato Mondiale di F1. Alla guida della Lotus 107, una vettura che coniugava tecnologia e affidabilità, Herbert concluse la stagione al 9° posto nella classifica piloti, dovuti ai punti iridati conquistati durante il GP del Brasile, d’Europa, di Gran Bretagna e del Belgio, rispettivamente tre quarti posti ed un 5° posto di tutto rispetto
  • Il valente pilota venne ingaggiato nel 1996 dalla scuderia elvetica Sauber, per cui continuerà a correre fino al 1998, anno del volante presente nella nostra collezione. Durante il Campionato Mondiale di Formula 1 che si svolse quell’anno il campione riuscì a conquistare un solo punto iridato, poiché arrivò al Gran Premio dell’Australia, qualificandosi al 15° posto nella classifica piloti.

(Fonte: Formula1.com)

Ph. Daniele Amaduzzi

Sponsor
Amici del Museo