Häkkinen Mika – FINLANDIA

Mika Pauli Häkkinen (Vantaa, 28 settembre 1968) è un ex pilota automobilistico finlandese, due volte campione del mondo di Formula 1 nel 1998 e nel 1999.

Dopo vari titoli ottenuti nelle categorie minori, debuttò nella massima serie nel 1991 al volante di una Lotus, squadra con cui corse per i primi anni. Il suo nome è legato soprattutto alla McLaren, per cui gareggiò dal 1993 al 2001, vincendo venti Gran Premi.

Pilota veloce e costante, tanto da aver concluso nei punti oltre la metà delle gare a cui ha partecipato, alla fine degli anni novanta divenne noto per la sua rivalità sportiva con il tedesco della Ferrari Michael Schumacher nella conquista dell’iride. Lo stesso ex ferrarista ha più volte dichiarato che Häkkinen è stato il rivale che più ha rispettato durante la sua carriera in Formula 1.

Volanti:

  • Il due volte campione esordì con la scuderia Lotus, che nel 1991 mise in campo una vettura non all’altezza delle fama che godeva fino a quel momento la casa britannica. Il volante MOMO presente nella nostra collezione era montato sulla dalla Lotus 102B. Ciononostante, l’abile pilota finlandese riuscì a conquistare il 5° posto durante il Gran Premio di San Marino, terminando in 17° posizione nella classifica piloti. Un esordio che non passò certo inosservato.
  • Il 1992 vide il pilota scandinavo alle guida della Lotus 107, su cui era montato il volante MOMO presente nella nostra collezione. Rispetto alla stagione precedente, la vettura risultava decisamente più performante e competitiva. Questo, unitamente alla sua grande abilità nella guida, permise ad Häkkinen di inanellare diversi punti iridati: un 6° posto al GP del Messico, un al GP di Francia, un al GP di Gran BRETAGNA, un al GP d’Ungheria, un al GP del Belgio ed infine un posto al GP del Portogallo. Nella classifica piloti di quella stagione risultava all’8° posto, un risultato eccellente per un pilota solamente al suo secondo anno nella massima serie.
  • Il 1993 vide il pilota scandinavo passare alla scuderia McLaren, che non se lo fece scappare per i successivi 8 anni, ovvero fino alla fine della sua carriera nella regina delle serie. Nel 1994, alla guida della McLaren MP4/8, sulla quale era montato il nostro volante PERSONAL, il campione arrivò al 4° posto nella classifica piloti, poiché salì per ben 6 volte sul podio. A parte il brillante risultato, quello fu un purtroppo un Annus Horribilis per la Formula 1, poiché durante le prove e, in seguito, nella gara ufficiale del Gran Premio di San Marino perirono tragicamente due piloti: l’esordiente Roland Ratzenberger e il tre volte campione Ayrton Senna.

(Fonte: Formula1.com)

Ph. Daniele Amaduzzi

Sponsor
Amici del Museo