Fair, Verona Legend Cars, Verona.

Exclusive Sport Cars of Nicolis Museum at Verona Legend Cars.

Tre modelli unici tutti italiani:
Fiat Sport Barchetta 1100 Motto del ’48, Zanussi 1100 Sport e Fiat Sport Colli del ’49 in esposizione.

dal 4 al 6 Maggio – Veronafiere, PAD. 9
www.veronalegendcars.com

Per il quarto anno consecutivo si riconferma l’appuntamento veronese per eccellenza “Verona Legend Cars”, un Salone unico nel panorama delle auto dove le tre anime dell’Heritage – bellezza, coinvolgimento ed energia sportiva – trovano la loro sintesi e vengono declinate assieme.

L’auto, passione antica, è un movimento e questo appuntamento lo esalta, mettendo in primo piano nuovi aspetti, prospettive e letture per rispondere sia alle esigenze dei cultori più preparati sia agli appassionati che vogliono fare il loro ingresso nel mondo del collezionismo.

Un continuo rinnovamento, oltre alle 1350 auto esposte, raddoppiano le occasioni per vedere le auto da corsa, storiche e contemporanee, esibirsi dal vivo grazie alla seconda edizione de La Sfida dei Campioni e all’inedito Trofeo Verona Legend Cars.
Entrambi gli eventi, infatti, sottolineano un’altra particolarità assoluta del Salone: un tracciato di gara lungo un chilometro allestito all’interno del quartiere fieristico grazie alla competenza tecnico-sportiva di ACI Verona e al partenariato di ACI Storico. Una pista dove sia campioni del mondo rally che gli appassionati di corse daranno il meglio di sé.

Il Museo Nicolis, a testimonianza di questo ardore sportivo e dell’emozione delle competizioni su pista, racconta un pezzo di storia italiana legato al Secondo Dopoguerra presentando al Padiglione 9 tre versione uniche da corsa e, soprattutto, realizzate su misura dal genio artigianale che ha sempre distinto il nostro Paese: La Fiat 1100 Sport Barchetta carrozzata Motto del ’48, la Zanussi 1100 Sport e la Fiat 500 Sport realizzata da Colli, entrambe del ’49.
Storie di uomini, delle loro sfide e delle loro passioni.

La Fiat 1100 Sport del 1948 carrozzata da Rocco Motto di Torino, con telaio modificato da Stanguellini di Modena partecipò alla Mille Miglia del 1948 con il numero 395. Riconosciuta tra le auto storiche significative, questa vettura conserva ancora il suo libretto originale. L’ultimo proprietario era un medico condotto che la impiegava per “correre” dai suoi pazienti.
Luciano Nicolis, fondatore del Museo, la scoprì in Europa, riportandola allo splendore originario con un minuziosissimo restauro.

La Fiat 1100 S era, del resto, la più amata nel mondo pionieristico delle corse dell’immediato dopoguerra. La utilizzò per le sue gare in salita anche il leggendario preparatore e pilota Fioravante Zanussi che ne impiegò il motore in quella che passerà alla storia come la Zanussi 1100 Sport del 1949. La vettura, esposta a Verona, era un’auto in continua evoluzione, come si faceva a quel tempo, sulla quale lo stesso Zanussi monterà, prima del Fiat, un propulsore Alfa Romeo 6C 1750 ridotto a quattro cilindri e un BMW 319 con sei cilindri e 2.000 di cilindrata.

Terzo modello esposto al Salone scaligero sarà la Fiat 500 Sport del 1949 allestita dalla Carrozzeria Colli di Milano su un telaio dotato di motore di derivazione Fiat. Un’altra vettura unica, concepita da un’azienda votata all’originalità del pensiero e all’audacia delle soluzioni tecniche.

“Attraverso questi tre modelli, il Museo Nicolis vuole sottolineare un periodo storico unico, fatto di passione sportiva e maestria meccanica” afferma Silvia Nicolis presidente del Museo “un’epoca in cui le auto da corsa ricevevano spesso carrozzerie e telai pensati su misura ed elaborate anche dagli stessi piloti che le portavano in pista” e aggiunge “Sono felice che Verona ospiti questa manifestazione a sottolineare l’importanza che il movimento delle auto storiche sta avendo nel mondo, muovendo tanti appassionati e di conseguenza turismo ed economia”.

VERONA LEGEND CARS
4/5/6 MAGGIO, Fiera di Verona
www.veronalegendcars.com
http://www.veronalegendcars.com/
pagina Facebook https://www.facebook.com/veronalegendcars/

Sponsor
Friends of the Museum