Comas Érik – FRANCIA

Érik Gilbert Comas (Romans-sur-Isère, 28 settembre 1963) è un ex pilota automobilistico francese di Formula 1

Dopo aver vinto un campionato di Formula 3000 nel 1990, passò alla massima serie: venne ingaggiato dalla Ligier con cui rimase per un paio d’anni, ottenendo come miglior risultato il quinto posto nel Gran Premio di Francia 1992. Poi passò alla Larrousse con cui corse dal 1993 al 1994, andando a punti in altri tre Gran Premi.

Rimane famoso, suo malgrado, per un episodio che lo vide coinvolto nell’ultimo anno della sua carriera, ovvero nel 1994. Durante il Gran Premio di Imola, il campionissimo Ayrton Senna fu protagonista di un terribile incidente che gli costò la vita. Il pilota francese ebbe la sfortuna di essersi fermato ai box per noie al mezzo e di non essere stato avvertito dell’incidente occorso al grande pilota brasiliano. Rischiò quindi di piombare sui mezzi di soccorso, che nel frattempo stavano tentando di salvare il pilota incidentato. Traumatizzato dalla scena dell’incidente, decise di abbandonare per sempre la Formula 1, ma riuscì prima a conquistare un ultimo punto iridato al GP di Germania (un 6° posto).

Volanti:

  • Questo volante PERSONAL venne impugnato da Comas durante il Campionato Mondiale di Formula 1 del 1992, che fu un po’ indigesto per il campione, poiché dovette accontentarsi di un 5° posto come miglior piazzamento, ottenuto nel Giro di Francia. L’anno successivo il pilota lasciò la scuderia Ligier per approdare alla Larrousse, con la quale corse gli ultimi due anni della sua carriera.
  • Nel 1993 egli venne assoldato dalla scuderia francese Larrousse, con cui partecipò al Campionato Mondiale di Formula 1 impugnando questo volante PERSONAL. Il massimo risultato che riuscì ad ottenere fu un 6° posto al Gran Premio d’Italia.
  • Questo volante PERSONAL montato sulla sua monoposto LH94, venne impugnato da Comas durante il Gran Premio di Imola, dove il campione Ayrton Senna perse la vita in un incidente.

(Fonte: Formula1.com)

Ph. Daniele Amaduzzi

Sponsor
Amici del Museo