Bimota, 1980, RB1 Furya

Bimota “RB1 Furya” – 1980 – Italia

La Bimota è un’azienda italiana fondata nel 1966 e il nome è l’acronimo delle prime due lettere dei tre cognomi dei soci fondatori: Bianchi, Morri e Tamburini.

Inizialmente operante nel settore degli impianti di riscaldamento e condizionamento, l’azienda inizia la produzione di moto nel 1975, quando le moto Bimota vengono offerte sia come kit sia come motociclette già interamente assemblate. Soltanto all’inizio degli anni novanta vengono abbandonate le forniture in kit e la produzione si baserà esclusivamente su moto complete.

Ad eccezione di pochi casi, la denominazione dei modelli Bimota ha sempre seguito lo schema costituito da due lettere ed un numero:

  • La prima lettera è l’iniziale del produttore del motore: H per Honda, K per Kawasaki, S per Suzuki, Y per Yamaha, D per Ducati, G per Gilera (quest’ultima unicamente per moto da corsa);
  • La seconda lettera è la B di Bimota;
  • Il numero rappresenta la progressione di modello con motore fornito dal medesimo costruttore: ad esempio SB3 indica la terza Bimota equipaggiata con propulsore Suzuki; YB11 sarà invece l’undicesima Bimota dotata di motore Yamaha.

 

NOTE TECNICHE:

  • Accensione elettronica
  • Alimentazione 4 carburatori Dell’Orto
  • Freni anteriori doppio disco, posteriori disco singolo Brembo
  • Cerchi in lega Campagnolo a 4 razze
Veicolo
Marca: ----------
Modello: Bimota RB1 Furya
Sponsor
Amici del Museo