Ansaldo, 1930, Tipo 22

Ansaldo “Tipo 22” – 1930

Questo modello è il più prestigioso tra quelli costruiti dall’Ansaldo.

La “Tipo 22”, vettura rara e raffinata, presenta un telaio moderno con un motore in grado di offrire brillanti prestazioni anche con le imponenti carrozzerie dell’epoca. Purtroppo nacque in un momento di grande crisi internazionale e non ebbe la diffusione sperata per risollevare le sorti della Casa.

La vettura del Museo ha solo 3000 chilometri effettivi e conserva ancora la pelle originale dei sedili. Il libretto di circolazione (vedi vetrina) testimonia un unico passaggio di proprietà. Il primo proprietario di questa vettura fu Nicola Frugone, noto uomo facoltoso della riviera ligure. Tutti i necessaire interni sono in argento ed è corredata di un raffinato accendisigari a benzina marchiato Ansaldo. Da notare le pedane in gomma, originali, che servivano per pulirsi le scarpe prima di salire a bordo. Particolare è anche la leva del cambio, provvista di serratura di bloccaggio con chiave speciale di sicurezza, uno dei primi sistemi antifurto installati sulle automobili.

Nel 1999, guidata da Luciano Nicolis, partecipa al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este e si aggiudica il 1° Premio di Classe e il 5° Assoluto.

Veicolo
Marca: Ansaldo
Modello: Tipo 22
N. Cilindri / Cilindrata: 8 in linea/3536 cc
Potenza: 86 CV a 3500 g/min
Velocità: 130 km/h
Peso: 950 kg
Lunghezza: 4970 cm
Larghezza: 1700 cm
Altezza: 1750 cm
Periodo di produzione: 1929 - 1932
Carrozzeria:
Marca: Ansaldo
Tipo: Berlina 6 posti
Sponsor
Amici del Museo